Lavandino otturato o vasca ostruita? Ecco come risolvere

SosMastro ti spiega cosa fare in caso di ostruzione idraulica

Uno dei problemi più comuni dell’impianto idraulico sono le ostruzioni (link alla pagina relativa). Può capitare spesso di trovarsi il lavandino otturato o la vasca da bagno ostruita. Nella maggior parte dei casi un’adeguata prevenzione avrebbe evitato il peggio ma quando ce ne rendiamo conto è spesso troppo tardi! Le conseguenze sono soprattutto i cattivi odori ma anche lo sporco ostinato che resta alla fine dello svuotamento del lavandino o della doccia.  Vediamo insieme come possiamo risolvere le ostruzioni idrauliche più comuni.

Cosa ostruisce il mio lavandino?

Le cause di un’otturazione possono essere varie ma di norma a bloccare lo scarico di un lavandino da cucina sono i rifiuti alimentari o un detersivo per piatti non adeguato. Prodotti non sufficientemente biodegradabili infatti si accumulano nelle tubature causando l’otturazione. Per fortuna si trovano in commercio sempre più prodotti “eco” con una formula che garantisce la riduzione dei residui nelle tubazioni e, di conseguenza, nelle fognature.  Questi prodotti sono ottimali non solo per evitare l’ostruzione idraulica ma anche per salvaguardare l’ambiente. In bagno, ad otturare vasca e doccia sono invece i capelli, le cellule morte ed anche prodotti utilizzati per l’igiene personale possono intasare lo scarico. Nei casi più gravi, non è possibile risolvere da soli il blocco ma è necessario ricorrere all’intervento di un idraulico professionista mentre in situazioni più banali  è possibile risolvere con il fai da te.

Disostruzioni idrauliche fai da te, alcuni strumenti

Per spurgare il tuo lavandino otturato o la doccia intasata possono essere utili, se non indispensabili, alcuni strumenti:

  • Sturalavandino a ventosa
  • Sturalavandino a molla
  • Pistola ad aria compressa
  • Guanti di gomma

Avrai visto mille volte questo strumento, lo sturalavandino a ventosa è, infatti, il più comune attrezzo idraulico. Costituito da una mazza corta in legno ed una ventosa di gomma arancio alla base, lo sturalavandino può essere impiegato solo dopo aver fatto defluire l’acqua stagnante. Non solo, prima di usarlo è consigliabile far scorrere un po’ di acqua dal rubinetto per favorire l’emersione della sporcizia più superficiale. A questo punto, chiudi il piccolo foro di fronte al lavandino con un pezzo di stoffa e fai aderire  la ventosa al buco muovendo lo sturalavandino su e giù.

In alternativa è possibile utilizzare quello a molla. Acquistabile nei ferramenta, è costituito da un lungo tubo metallico snodabile che deve essere inserito direttamente nello scarico fino al blocco. Fatto ciò bisognerà ruotare il manico dell’attrezzo che provvederà a frantumare la massa che ostruisce lo scarico e farla scorrere via agevolmente.

Ancora più semplice è l’impiego della pistola ad aria compressa. Anch’essa è dotata di ventosa che andrà applicata al buco dello scarico. A questo punto dovrai “sparare” letteralmente contro l’ostruzione premendo il grilletto.

Rimedi naturali per sturare il lavandino

Se vuoi risolvere l’ostruzione idraulica con i prodotti che hai a tua disposizione in casa, ecco un elenco di possibili rimedi naturali. Potrai abbinare allo sturalavandini a ventosa dell’acqua bollente in cui hai sciolto del bicarbonato. Alterna alla pressione dello sturalavandini un bicchiere d’acqua e ripeti l’operazione fino a quando lo scarico non sembrerà libero.

Sempre utilizzando il bicarbonato è possibile realizzare un composto con il sale. Dopo aver versato i due ingredienti, in pari quantità, nello scarico otturato, fai bollire l’acqua in una pentola e versali. Questa operazione può essere ripetuta anche periodicamente a scopo preventivo.

Un ottimo abbinamento è anche quello tra bicarbonato e aceto. Mescola in un bicchiere aceto e bicarbonato, poi versa nello scarico insieme a due bicchieri di acqua bollente. Per velocizzare la stasatura è bene abbinare all’operazione l’utilizzo dello sturalavandino a ventosa.

Anche detersivi per piatti, shampoo e bagnoschiuma o bevande gasate possono aiutare! Versa mezzo bicchiere di detersivo o una bottiglia di Coca-cola nello scarico otturato e lascia agire tutta la notte: al mattino versa dell’acqua bollente nello scarico e il problema è risolto.

Un altro rimedio efficace contro gli scarichi otturati è la soda. Impiegata principalmente per ottenere un bianco brillante, la soda è un ottimo prodotto stura lavandini! Versa otto cucchiai di soda nella tubatura insieme a due litri di acqua bollente. Se ciò non dovesse bastare può essere necessario impiegare la soda caustica. Utilizzando lo stesso procedimento ma versando solo tre cucchiai con un litro di acqua bollente, potrai ottenere un ottimo risultato. Attenzione però, la soda caustica è aggressiva è può essere particolarmente dannosa per cui è importante indossare guanti, una mascherina monouso ed occhiali.

Quando chiamare l’idraulico

Insieme al calcare l’utilizzo di prodotti chimici è una delle cause più frequenti di rottura o danneggiamento delle tubazioni. Ecco perché è preferibile, in caso di ostruzioni idrauliche, utilizzare uno dei nostri consigli senza affidarsi ad acidi particolarmente aggressivi. Se, nonostante tutte le soluzioni offerte non riesci a liberarti dell’ingorgo, non cedere all’acquisto di prodotti miracolosi che potrebbero causarti danni sul lungo periodo ma affidati all’esperto. I nostri interventi assicurano l’immediata risoluzione del problema idraulico salvaguardando la tua abitazione e quella dei tuoi vicini. Il nostro servizio di pronto intervento garantisce l’immediato accesso alla casa lavorando con rapidità e soddisfacendo le tue esigenze di urgenza. La tua richiesta di preventivo verrà evasa in tempi brevi e l’intervento è garantito in 5 ore. Se cerchi una soluzione immediata ed efficace affidati a noi, non resterai deluso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *