Rubinetto lavandino o vasca, modelli e tipologie

Come scegliere il rubinetto giusto per il bagno

Rubinetto che perde? Ristrutturazione bagno? Oppure stai mettendo su casa e devi scegliere l’arredo bagno?

Dopo aver immaginato e progettato il tuo spazio non ti resta che curare i dettagli. Stanza da bagno classica o moderna? Questo è il primo spartiacque, è da quì che parte la scelta di tutti gli elementi finali come il rubinetto. Non solo estetica però, il rubinetto ha una funzione fondamentale: quella di far entrare l’acqua nelle nostre case. Se non funziona il rubinetto, per esempio perché perde, è necessario ripararlo subito o cambiarlo del tutto.

Manutenzione impianto idraulico

Come per la caldaia o il condizionatore, anche l’impianto idraulico deve essere controllato periodicamente. Non effettuare la periodica manutenzione, Infatti, genera la sua usura causando disagi non indifferenti. Se la manutenzione dell’impianto idraulico ti appare una spesa inutile, basta pensare a quanto ti costerà invece un intervento idraulico urgente. Tra i principali nemici del tuo impianto c’è indubbiamente il calcare. Quest’ultimo si forma quando l’acqua del rubinetto non è del tutto depurata. Con il calcare, le tubature si intasano e di conseguenza potrebbero causare la rottura di un componente. Potrebbe così danneggiarsi il rubinetto del lavandino, della doccia o della vasca da bagno. Anche la formazione di muffe è grave per un impianto idraulico, così come lo sono i prodotti corrosivi. Presta quindi la massima attenzione all’uso dei prodotti e preferisci i preparati naturali.

Che tipo di rubinetto ti serve?

Il rubinetto che stai cercando può servirti per almeno uno di questi quattro elementi:

  • il lavandino;
  • la doccia;
  • la vasca da bagno;
  • il bidet.

Perforando o pretagliando ognuno di questi è possibile installare il rubinetto. A seconda del modello, sono necessari uno o due buchi per il fissaggio. Come vedremo, infatti, i mescolatori e i miscelatori per lavandino hanno bisogno di un buco mentre i rubinetti delle docce o delle vasche hanno due buchi. In alternativa il rubinetto può essere posto su un piano toilette, un muro o una parete della cabina doccia.

Se quella che cerchi è una fontana per lavandino attenzione all’altezza e alla profondità del beccuccio che deve corrispondere allo scarico per evitare schizzi. Il rubinetto viene fissato dall’esperto idraulico con un’asta filettata, un dado, una rondella a mezza luna e la sua guarnizione.

Il rubinetto della vasca da bagno invece ha un invertitore, che permette di scegliere il flusso di acqua tra il beccuccio e il soffione. Il beccuccio è utilizzato per riempire la vasca di acqua, mentre il soffione, collegato ad un tubo flessibile, permette di farsi la doccia. Diversamente il rubinetto della doccia permette solo il raccordo di un soffione con un tubo flessibile. Quest’ultimo viene fissato alla parete con due buchi e può essere incassato.

Miscelatore o mescolatore?

I rubinetti possono avere due diverse “aperture”. È possibile far uscire acqua girando un mescolatore o sollevando il miscelatore. Qual è la differenza tra i due tipi di rubinetto?

I mescolatori del bagno hanno due pomelli che permettono di selezionare l’acqua calda o fredda e di mescolarla, appunto, assieme. Portata di acqua fredda e portata di acqua calda si regolano ad ogni utilizzo. Il pomello dell’acqua fredda si riconosce per il suo colore blu e quello dell’acqua calda per il colore rosso.

Diversamente il miscelatore del bagno ha un solo manico che viene azionato da sinistra a destra per regolare la temperatura e dal basso in alto per ottenere il giusto flusso di acqua. Il miscelatore è più pratico in quanto è sufficiente azionarlo con una mano ed è più economico poiché sfrutta l’effetto memoria della scelta di temperatura. In base a come lo abbiamo lasciato, infatti, ritroviamo la stessa temperatura a differenza di quanto accade per il mescolatore che va ogni volta regolato.

Rubinetti elettronici

Più igienici ed ugualmente efficienti sono i rubinetti elettronici. Questi si avviano grazie ad un sensore ad infrarossi cherileva i tuoi movimenti e fa scorrere l’acqua nel momento in cui avverte la tua prossimità al rubinetto. Al contrario, appena le sposterei la fontana si chiuderà evitando, così, lo spreco di acqua.

In tutti i casi, ricorda che è importante lavare l’esterno dei rubinetti con una spugna morbida e dell’acqua. È importante infatti preservare le rifiniture delle superfici e dei pezzi in plastica. Il filtro va trattato periodicamente con anticalcare smontandolo e lasciandolo a bagno, se usi prodotti naturali va bene anche l’aceto bianco.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *